Politiche del contemporaneo

Politiche del contemporaneo accoglie le riflessioni che non cessano di puntare lo sguardo sulle trasformazioni del presente, di coglierne le profondità storiche, le temporalità molteplici, le razionalità implicite – nel tentativo di interrogarne, e analizzarne, le ragioni politiche. In questo focus ospitiamo contribuiti che vogliano provare a misurarsi con i modi in cui i poteri si inscrivono nei corpi e nelle vite, le forme in cui si esercitano nelle mutevoli manifestazioni di cattura e alienazione, così come di produzione e sfruttamento. Un banco di prova per una ricognizione sulle traiettorie e le forme di governo che il potere assume nei territori; sulle relazioni che attraversa e stabilisce; sui suoi modi di esercitare violenza e raccogliere consenso; e sui nodi problematici che intorno a esso si addensano. Il focus intende prestare particolare attenzione a tutte quelle questioni del contemporaneo intese come istanze sociali e politiche che si riproducono, persistono, irrompono costantemente nelle vite, e che le varie forme di pensiero dominante e senso comune tendono a rappresentare come intrattabili.



Dall’Eternit ai vetrai di Givors: non perdere la vita nel guadagnarsela
Politiche del contemporaneo

Dall’Eternit ai vetrai di Givors: non perdere la vita nel guadagnarsela

Un intervento inedito del sociologo francese Pascal Marichalar, che ha condotto un’inchiesta sulle numerose morti fra gli operai delle vetrerie della cittadina francese di Givors. Risultato ne è il libro Qui a tué les verriers de Givors? Une enquête de sciences sociales (Chi ha ucciso i vetrai di Givors? Un’inchiesta di […]

“Prevenire” il dissenso: la delegittimazione del confitto tra sapere di polizia e ricerca sociale
Politiche del contemporaneo

“Prevenire” il dissenso: la delegittimazione del confitto tra sapere di polizia e ricerca sociale

La repressione istituzionale non passa soltanto attraverso misure e azioni coercitive. Può essere favorita anche da categorie e discorsi che tendono a imporre specifiche rappresentazioni della realtà sociale, condizionando le strategie operative degli attori coinvolti.

Il fatto di essere responsabili
Politiche del contemporaneo

Il fatto di essere responsabili

Il libro di Orna Donath, “Pentirsi di essere madri”, giunge quest’anno in Italia pubblicato da Bollati Boringhieri, dopo aver suscitato un ampio dibattito in diversi Paesi europei.

Fanon inedito
Piccola biblioteca delle scienze umane / Politiche del contemporaneo

Fanon inedito

Pubblichiamo “La lotta solidale dei paesi africani”, un estratto da La rivoluzione algerina e la liberazione dell’Africa. Scritti politici (1957-1960), una serie di articoli inediti di Frantz Fanon pubblicati in forma anonima nell’edizione francese della rivista El Moudjahid, appena usciti nell’edizione italiana curata da Gabriele Proglio per Ombrecorte.

Il grido di Santiago per le comunità Mapuche
Politiche del contemporaneo

Il grido di Santiago per le comunità Mapuche

L’ultima volta che è stato visto vivo, il ventottenne Santiago Maldonado stava partecipando a una mobilitazione della comunità in resistenza di Cushamen – provincia di Chubut, Argentina.

L’Algeria, l’ENI e i sentieri interrotti della decolonizzazione
Le immagini in questione / Politiche del contemporaneo

L’Algeria, l’ENI e i sentieri interrotti della decolonizzazione

Il 1 novembre 1954 con una serie di azioni del Fronte di Liberazione Nazionale in diverse zone del Paese prende il via la Guerra d’Algeria, che si protrarrà a fasi alterne fino all’indipendenza dello stato nordafricano, raggiunta nel 1962.

Un dettaglio nella stanza di controllo della miniera di Asco
400 ISO / Politiche del contemporaneo

La via del carbone. Le radici della nuova America

Dopo l’insolita celebrazione di Columbus Day, la controversa festa dell’orgoglio italo-americano, continua il nostro viaggio attraverso la memoria e il presente degli Stati Uniti d’America.

Università critica
Libreria / Politiche del contemporaneo

Università critica

Pubblichiamo l’introduzione all’e-book “Università critica. Liberi di pensare, liberi di ricercare”, frutto di una collaborazione tra il lavoro culturale ed Effimera.