Dietro a ogni matto c’è un villaggio Dietro a ogni matto c’è un villaggio
Il cartello che non c’è. Sull’intervista di Sean Penn al “Chapo” Guzmán Il cartello che non c’è. Sull’intervista di Sean Penn al “Chapo” Guzmán
Diventare profughi su Amazon: vestiti di carnevale e maschere della distanza Diventare profughi su Amazon: vestiti di carnevale e maschere della distanza
Le avventure di Pinocchio il calabrese – Intervista a Emanuele Trevi Le avventure di Pinocchio il calabrese – Intervista a Emanuele Trevi

Ultimi articoli

When vegetation is not decoration. Intervista a Marco Scotini
Interviste

When vegetation is not decoration. Intervista a Marco Scotini

“Earthrise. Visioni pre-ecologiche nell’arte italiana (1967-1973)” (PAV di Torino) apre con la foto scattata da William Anders nel 1968, durante la missione spaziale Apollo 8. 

L’apocalisse permanente: su László Krasznahorkai
Milleuna

L’apocalisse permanente: su László Krasznahorkai

Un percorso tra quattro romanzi dello scrittore ungherese László Krasznahorkai, in attesa che vengano pubblicati anche in Italia.

Il male della banalità
Segnalazioni

Il male della banalità

Siamo un gruppo di studiosi e docenti universitari di storia, letteratura e cultura dei paesi arabi, africani e islamici, e scriviamo dopo la pubblicazione di alcuni articoli sulla stampa italiana a seguito dei fatti di Colonia.

Per una prassi cosmopolita del patrimonio culturale
Politiche del contemporaneo

Per una prassi cosmopolita del patrimonio culturale

Alcuni appunti sulla visita di Rouhani. 

Le Confessioni pericolose
Interviste / Piccola biblioteca delle scienze umane

Le Confessioni pericolose

In occasione dell’uscita dell’autobiografia di Toni Negri (Storia di un comunista, Ponte alle Grazie, Milano 2015), che tante polemiche ha sollevato, abbiamo intervistato il curatore del volume Girolamo De Michele.

5 anni di lavoro culturale e una tavolata di tweet
Segnalazioni

5 anni di lavoro culturale e una tavolata di tweet

Cinque, né tanti né pochi: cinque. Cinque anni fa, “nei corridoi e nelle aule dell’Università di Siena” nasceva questo spazio di discussione e d’incontro. Un gruppo di amici, una redazione, tanti collaboratori, migliaia di lettori, una rete.