assogettamento

Alì fuori dalla legge

di Tommaso Sbriccoli Quanto durano cinque giorni? Le risposte semplici a tale semplice domanda non sono più a nostra disposizione dopo aver attraversato il libro di Andrea Ravenda Alì fuori dalla legge. Migrazione, biopolitica e stato di eccezione in Italia, pubblicato da ombre corte nel 2011. Cinque giorni sono il tempo che un “immigrato clandestino” ha per allontanarsi dal nostro paese dopo aver ricevuto un decreto di espulsione. Cinque giorni sono anche lo spazio paradossale che ospita un’illegalità legale, una presenza che è già altrove, un corpo assente. Potremmo forse spingerci persino a dire che il bel libro di Andrea Ravenda, che copre vent’anni di storia e sei anni di etnografia della migrazione straniera in Italia, e principalmente in Puglia, non fa che scavare un buco nel tempo, il cui diametro misura esattamente cinque giorni, e ne affronta quindi l’analisi antropologica. Questo tempo divenuto spazio, della ricerca ed anche esistenziale (può qui tornare utile una frase di Gramsci riportata nell’esergo all’ultimo capitolo, “il tempo mi appare come una cosa corpulenta, da quando lo spazio non esiste più per me”) è ciò che rimane ad Alì, personaggio/informatore/uomo centrale nella costruzione del testo, rinchiuso (ma non esattamente) nel CPT Regina Pacis dopo una […]

Close