ludologia

Recensione a Dezmond. Una lettura di Assassin’s...

di Flavio Pintarelli @El_Pinta Che i media digitali rappresentino oggi le principali forme e i principali formati attraverso cui siamo in grado di fare esperienza della realtà è un dato che dovrebbe essere ormai chiaro non solo a coloro che per mestiere (o per vocazione) si dedicano allo studio dei sistemi di rappresentazione ma anche a chi di questi nuovi media fa quotidianamente uso, per lavoro o per svago. Lo sviluppo della medialità digitale ha ri-disegnato il nostro orizzonte percettivo e cognitivo e riorganizzato i parametri con cui avevamo definito i media analogici o “tradizionali”. Si è soliti definire questa dinamica come il passaggio da un paradigma detto “dell’illusione” a un paradigma detto “della simulazione” laddove nel primo si configurava la presenza di un mondo altro, seppure fallace, posto al di là dell’immagine, mentre nel secondo è l’immagine in quanto oggetto concreto che si offre alla percezione in quanto pura sostanza sensibile a essere al centro del quadro. In questo quadro ha assunto sempre più importanza il concetto di avatar. Nella tradizione indù la parola Avatāra indicava l’apparizione o la discesa sulla terra di una divinità incaricata di ristabilire o tutelare il Dharma ed è questa suggestione che viene ripresa […]

Close