Segnalazioni

Antropologia, pensiero critico e pratiche sociali collaborative e trasformative in Italia

Inizia oggi il V Convegno Nazionale della Società Italiana di Antropologia Applicata (SIAA): Collaborazione e Mutualismo. Pratiche trasformative in tempi di crisi. Il convegno si avvale di numerose collaborazioni esterne e vede riunirsi a Catania dal 14 al 17 dicembre anche alcuni collaboratori del focus Sismografie, per il quale pubblicheremo un approfondimento tratto da un panel.

Una delle attività sul territorio organizzate a San Berillo (Catania) da uno dei partner del Convegno, Trame di Quartiere.

Negli ultimi anni la parola antropologia e l’aggettivo “antropologico” si stanno diffondendo in modo “virale”, alla radio come alla televisione, sulla rete come in iniziative territoriali. Tuttavia, si sa ben poco sull’applicazione del sapere antropologico nella società contemporanea e sui diversi profili professionali emergenti dai processi formativi in questa disciplina o scienza. Soprattutto, restano ancora da esplorare le potenzialità dialogiche e interdisciplinari della conoscenza antropologica e dei suoi saperi applicati, cosi come la sua potenziale funzione di aggregazione di pensiero scientifico ed umanista e di contributi provenienti da diverse prospettive di analisi.

Il V Convegno Nazionale della Società Italiana di Antropologia Applicata (SIAA), organizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Professionale Italiana di Antropologia (ANPIA), l’Università di Catania (dove si svolgerà il convegno) e varie istituzioni e organizzazioni del territorio sarà dedicato al tema “Collaborazione e Mutualismo. Pratiche trasformative in tempi di crisi”. Il Convegno intende rilanciare in avanti i temi in oggetto, candidando l’antropologia a svolgere un ruolo di pivot del pensiero scientifico e applicativo sul sociale e lo spazio pubblico, coinvolgendo nella riflessione soggetti diversificati.  A testimonianza del forte interesse della società verso l’antropologia, si registrano al convegno iscrizioni di persone provenienti da altre formazioni professionali e non solo  di ricerca, quali insegnanti, operatori sociali, amministratori, urbanisti e diversi gruppi organizzati della società civile.

Promovendo un confronto vivo con la società, le giornate di incontri, laboratori, dibattiti transiteranno dai locali dell’Università ai luoghi pubblici della città, attraversando aule universitarie, quartieri e diversi spazi culturali e associativi di Catania. In linea con una ricerca antropologica che intende confrontarsi con il territorio e mettersi in gioco nello spazio pubblico, antropologi e antropologhe provenienti da tutta Italia (e non solo) discuteranno e sperimenteranno il contributo applicativo e trasformativo della ricerca antropologica per affrontare le sfide della contemporaneità, che richiede non solo un’approfondita comprensione ma anche un’accurata gestione della complessità sociale e politica dell’oggi. 

L’antropologia, in questo senso, si propone come sapere professionale, forte delle competenze accademiche che la costituiscono, in grado di confrontarsi con la società nel suo complesso, offrendo prospettive analitiche e, soprattutto, spunti operativi e d’intervento che possono trovare oggi terreno fertile in una grande molteplicità di campi di analisi e di lavoro.

Suddiviso in 14 sessioni tematiche, 9 laboratori pratici, 2 tavole rotonde, diversi momenti di scambio e dibattito, il Convegno proporrà un ricco ventaglio di contesti di ricerca e questioni: dalla progettazione urbana partecipata alle migrazioni transnazionali, dalle nuove forme di lavoro alle pratiche di cooperazione e sviluppo, dai disastri ambientali al cambiamento climatico, dall’educazione alla cittadinanza alle nuove forme di famiglia. Insieme proveremo a capire quali sono le ricadute virtuose del lavoro cooperativo, ma anche le sue criticità e le difficoltà che si frappongono nel percorso. E ancora, fino a che punto approcci di ricerca basati sulla collaborazione reciproca possono effettivamente dar luogo a relazioni di lavoro meno gerarchiche e competitive, a modi, tempi e luoghi della partecipazione e comunicazione pubblica più vivaci e propositivi. In che modo, insomma, facendo ricorso alla collaborazione, possiamo supportare al meglio le comunità con cui interagiamo sul campo e delle quali facciamo parte. Il palinsesto del convegno offrirà inoltre una serie di iniziative trasversali, rivolte alla cittadinanza, con presentazioni di libri e riviste ed eventi culturali. Per qualsiasi informazione è possibile consultare questo sito oppure contattare la coordinatrice scientifica del convegno Mara Benadusi (mara.benadusi [at] unict.it) o la Società Italiana di Antropologia Applicata (antropologiapplicata [at] gmail.com).

Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , , , , , ,