Giovanni Montanaro

Tutti i colori e le metamorfosi del mondo

di Marco Mongelli [*] Il terzo libro del non ancora trentenne Giovanni Montanaro, uscito pochi giorni fa per Feltrinelli, si intitola Tutti i colori del mondo e ha sulla copertina il volto di un uomo in cui riconosciamo i tratti di Vincent Van Gogh. Siamo pertanto subito invitati a credere, non a torto, che il romanzo che ci accingiamo a leggere abbia a che fare con i colori, i quadri e gli artisti. Quello che la copertina non dice è lo spaesamento che la lettura alla fine provocherà, nonostante (o proprio per) la “semplicità” del dettato verbale. Non si esce da questo romanzo solo con la sensazione di aver goduto di una bella storia, ma con la sensazione che qualcosa di inaspettato e di nuovo sia stato raccontato anche su di noi. E questo perché il “colpo di scena” che retrospettivamente fa ripensare con inquietudine alle pagine già lette costringe anche a riconsiderare la propria posizione nei confronti del narratore e nei confronti di se stessi. Ma facciamo un po’ d’ordine. La storia di Tutti i colori del mondo è raccontata in prima persona da una ragazza ventiseienne che, attraverso una lettera lunga e tormentata, si rivolge a Van Gogh conosciuto […]

Close