Segnalazioni

Sulla cecità politica. Lettera aperta alla Fondazione Feltrinelli

Ospitiamo la lettera aperta di un gruppo di studiose e studiosi delle estreme destre in seguito alla scelta di invitare Alain de Benoist e Florian Philippot ad un ciclo di conferenze su destra e sinistra alla Fondazione Feltrinelli.

 

Al dottor Carlo Feltrinelli
Presidente della Fondazione Feltrinelli

e ai membri del Comitato Scientifico
Maurice Aymard
Giuseppe Berta
Alessandro Colombo
Enrica Chiappero-Martinetti
Donatella della Porta
Maria Guercio
Mauro Magatti
Michele Salvati
Nadia Urbinati
Danilo Zolo

2 febbraio 2018

 

Stimato Presidente,
Stimati membri del Comitato Scientifico della Fondazione Feltrinelli,

Siamo studiose e studiosi delle destre e estreme-destre. Da anni indaghiamo il fenomeno dell’emergere e del permanere di questi attori politici nelle nostre democrazie.

Proprio perché studiamo l’estrema destra, siamo sorprese e sorpresi nel vedere che la vostra Fondazione, di cui apprezziamo l’impegno per la democrazia e l’antifascismo, ha invitato due noti rappresentanti dell’estrema destra francese, quali Alain de Benoist e Florian Philippot, ad intervenire in un ciclo di conferenze su cosa significhi destra e sinistra. Un ciclo di conferenze inserito, peraltro, all’interno di un percorso ideato perché gli elettori si orientino in vista delle elezioni politiche del 4 marzo.

Naturalmente, condividiamo il fatto che alle destre ci si debba interessare, lo facciamo da anni. E siamo consapevoli del fatto che questo campo politico è molto eterogeneo, tanto da includere formazioni dichiaratamente neofasciste e compagini populiste. Tuttavia, ad accomunare attori molto diversi come de Benoist e Philippot è il “nativismo”, una visione del mondo secondo la quale gli stati dovrebbero essere abitati solo da “nativi” e, dunque, ogni persona (o idea) diversa sarebbe problematica per la sopravvivenza delle comunità nazionali. Una visione così omogenea ed escludente della società è in contraddizione con il pluralismo che caratterizza la democrazia.

Contestiamo l’idea che de Benoist et Philippot siano dei rappresentati di una destra “nuova”. Le ricerche scientifiche sul Front National mostrano come la “de-demonizzazione” del partito guidato oggi da Marine Le Pen sia una strategia di comunicazione politica, non un lavoro di rottura ideologica rispetto alle posizioni di Jean-Marie Le Pen. Fare intervenire Philippot significa chiaramente contribuire, anche involontariamente, a questa strategia di normalizzazione. Neanche la nuova formazione di Philippot, Les Patriotes, si allontana da questo ragionamento, come chiaramente dimostrato nell’articolo a sua firma pubblicato sul vostro sito. Sostituire, infatti, la dicotomia politica tra destra e sinistra con un lessico che vede contrapposti “patrioti” e “mondialisti” ne è esempio emblematico: “Ni droite, ni gauche : Français !” (Né destra, né sinistra: Francesi!) è stato a lungo uno slogan di Jean-Marie Le Pen e Samuel Maréchal.

Il fatto che gli interventi di Philippot e de Benoist avvengano nel contesto della campagna elettorale italiana non fa che aggravare, ai nostri occhi, la vostra scelta. Soprattutto se si tiene conto del ruolo di europarlamentare, per Philippot, e di ideologo dei movimenti neofascisti pan-europei, oltre che teorico di una forma di razzismo culturalista non limitato all’area neofascista, per de Benoist. In Italia come in Europa, le idee di de Benoist informano la linea di attori di estrema destra diversi e con diverse potenzialità – tra cui la Lega o la più marginale CasaPound – la cui comune ambizione è parlare a un pubblico più largo dei soli nostalgici fascisti.

Riconoscendo pienamente alla Fondazione Feltrinelli il suo ruolo di attrice culturale, teniamo a protestare vivamente contro la legittimazione delle posizioni politiche dei vostri due invitati. Ci risponderete che voi siete una fondazione di ricerca e non un gruppo politico. Vi risponderemo che anche noi facciamo ricerca. E proprio in virtù dei nostri lavori, non possiamo che essere indignate e indignati dalla vostra cecità politica.

In tempi come questi, in cui guerre, disuguaglianze economiche e regimi repressivi obbligano molte e molti a cercare protezione in Europa e creano un terreno fertile per il razzismo e la xenofobia, vi sembra opportuno dare visibilità alle idee di cui sono portatori de Benoist e Philippot? L’estrema destra gioca da sempre sulla confusione tra destra e sinistra e pensare di “confrontarsi” su questo con Philippot e de Benoist non rischiara alcunché. Anzi, aggiunge soltanto altra confusione e contemporaneamente legittima la loro strategia. Per noi, si tratta di un grave segno di regressione democratica.

 

Qui il link per firmare. 

Primi firmatari
 
Matteo Albanese (Università di Lisbona)
Martina Avanza (Università di Lausanne)
Christine Bard (Università di Angers)
Elisa Bellé (università di Trento)
Lorenzo Bernini (Università di Verona)
Nicoletta Bourbaki (gruppo di lavoro sui falsi storici e propaganda neofascista)
Pietro Castelli Gattinara (Università di Oslo)
Maddalena Gretel Cammelli (Università di Bologna)
Antoine Chollet (Università di Lausanne)
Stéphanie Dechezelles (Science Po’ Aix)
Yàdad de Guerre (Playing the Gender Card)
Lynda Dematteo (CNRS EHESS Paris)
Eric Fassin (Università di Paris 8)
Caterina Froio (Espol Lille)
Sara Garbagnoli (Università di Paris 3)
Andrea Mammone (Holocaust Research Institute, Università di Londra)
Marie-Anne Matard-Bonucci (Università Paris 8)
Juan Anton Mellon (Università di Barcellona)
Joe Mulhall (Senior researcher a Hope not Hate)
Massimo Prearo (Università di Verona)
Giovanni Savino (Istituto di scienze sociali, Accademia russa dell’economia nazionale e del servizio pubblico, Mosca)
Claire Zalc (Institut d’Histoire Moderne et Contemporaine, CNRS)
 
Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , , ,