Interviste

Intervista a Paola Baroni e Paolo Benvenuti

Ho intervistato  Paola Baroni e Paolo Benvenuti in conclusione della rassegna Etica e bellezza nel cinema di Paolo Benvenuti, tenutasi a I Macelli di Certaldo.

Ecco l’audio dell’intervista accompagnato da una scaletta dei contenuti.

Intervista a Paola Baroni e Paolo Benvenuti

  1. 00:00-02:00 Tommaso Capecchi, presentazione Rassegna “Etica e Bellezza nel Cinema di Paolo Benvenuti”, I Macelli 2013.
  2. 2:00-04:30 Paolo Benvenuti, la bellezza delle immagini e la consapevolezza del cinema come rappresentazione. Disgreganze e reversibilità storiche dell’espressione visiva. L’inquadratura come principio d’individuazione.
  3. 04:30-08:30 L’ontologia della creazione dell’immagine in movimento e la perdita della consapevolezza dell’espressione cinematografica. Documentario, fra composizione e ricostruzione della realtà.
  4. 08:30- 10:30 Lo specifico pittorico come grammatica cinematografica. Dimenticanze in corso.
  5. 10:30- 13:30 Armonia compositiva all’interno del rettangolo. Riportare le strutture della realtà all’interno della composizione del rettangolo. Due elementi: struttura della realtà e struttura del rettangolo, per arrivare alla bellezza e al rapporto armonico della realtà.
  6. 13:30-14:30 Il deturpamento del paesaggio ha fatto saltare questo rapporto armonico.
  7. 14:30-21:30 L’immagine morale come senso della bellezza e contro l’omologazione. Su Guy Debord, Majakovskij e la biechezza di quel tecnico (cit. di Segreti di stato 2003).
  8. 21:30-29:30 Fiat ars, pereat mundus o (sul non luogo) di Walter Benjiamin (non portato in citazione). L’architettura razionalista e quella littoria. Validità della democrazia nel suo rovesciamento.
  9. 29:30- 35:30 L’indivisibilità dello scibile umano; il pensiero contadino come ghiandola pineale e solo sistema percettivo e relazionale. L’uomo barocco e l’oltre uomo. Joseph Ratzinger vs Benedetto XVI.
  10. 35:30-37:30 L’importanza della ricerca storica nelle opere di Paolo Benvenuti. Come l’ azione ostinata del disiscrivere annuncia l’atarassia degli spazi della memoria. Confortorio 1996. Gostanza da Libbiano 2000.
  11. 37:30- 40:00 La petulanza continuativa del pensiero visivo nei film di Paolo Benvenuti. Oltre i film, l’animale e la persona o, di chi ama senza ubbidire.
  12. 40:00- 48:00 Social o monad e tutto ciò che c’è nel mezzo. Latenza insoddisfatta o realismo perpetuo. Approfondimento critico. La Primavera araba e la forza dell’espressione vivente.
  13. 48:00- 50:30 Paola Baroni e la ricerca emozionale nei film. Sceneggiatura, attori e intimità lavorativa.
  14. 50:30-52:00 Il non coraggio degli storici italiani su Segreti di stato 2003. Pallante e l’attentato a Togliatti.
  15. 52:00-63:30 L’incontro con Paola Baroni ed i risvolti poetici. I Rapporti con Roberto Rossellini e Jean Marie Straub. La pittura e il problema del punto di vista. Dai primissimi cortometraggi a Puccini e la fanciulla 2008. Dolfo Scarselli e le cosmogonie negli anfratti postmoderni.
  16. 63:30-83:00 Medea 1972 e il Cartapestaio 1979. L’innamoramento come maieutica della produzione espressiva. Il filo rosso della poetica benvenutiana. Da Paolo a Paola per una simbiosi.
  17. 83:00-96:00 Gostanza da Libbiano 2000, la medicina fra femminile e maschile o sulle identità di uomo e potere. L’importanza della ricerca iconografica nell’immagine in movimento. Paesaggi in viseità e ambientazioni. Carlo Romiti e il movimento di grani terrosi.
  18. 96:00- 100:30 Finale di partita; l’oscura storia della luce di Caravaggio. Impegni a confronto.
Print Friendly, PDF & Email
Tags: , , ,