Voci di fonte

Voci di fonte – il festival di Siena:Playing Identities. Identità messe in gioco sulla scena, voci differenti che risuonano e si sfidano nel teatro quotidiano in cui siamo costretti a prendere una parte. Voci migranti nello spazio e nel tempo, che portano con sé lingue e memorie. Voci che chiedono di essere ospitate in un racconto nuovo, ancora da fare. Vite che trovano identità nei gesti che le accomunano, nelle parole che le descrivono.
Umanità che attraversano i confini pensando che l’Altro non è più un nemico se è disposto a creare un linguaggio nuovo che sia capace di parlare di entrambi e del loro posto nel mondo. Volti che attendono di essere ritratti, piuttosto che riconosciuti. Identità che si affrontano, si specchiano e si trasformano reinventando le tradizioni attraverso traduzioni inattese. Lavoro del tradurre l’altrui nel proprio e viceversa, fatica del confronto che chiede la creazione di identità sempre diverse. Lavoro che traduce la vita in una serie di gesti, scambia il ruolo con l’identità, costringe alle regole di un gioco che non ci appartiene più.
Playing Identities: come la voce del dizionario di una lingua da costruire sulla scena.
Identità, creolizzazione e lavoro sono stati i temi dell’ottava edizione di Voci di Fonte, il Festival di Siena ideato e promosso da laLut – Centro di Produzione e Ricerca Teatrale – insieme al Comune di Siena.



Silenzio. Uno zapping teatrale
In collaborazione / Voci di fonte

Silenzio. Uno zapping teatrale

di Giulia Romanin Jacur La compagnia dei Girasoli ha portato in scena alla Sala Lia Lapini a Siena domenica 19 giugno lo spettacolo teatrale Silenzio. Questo spettacolo, vincitore del Premio del Teatro Riabilitazione psicosociale al Festival Nazionale Altri Teatri di Bitonto, viene riproposto venerdì 24 giugno alle ore 19.00, sempre […]

Per fare un albero ci vuole un’auto
Voci di fonte

Per fare un albero ci vuole un’auto

Proposte per un ecosistema culturale “Ecologia della cultura significa costruire e salvaguardare gli ambienti culturali, curarli come se fossero un giardino, per l’odore e il colore dei fiori che vi sbocciano”. Una postilla, una breve riflessione, un post lasciato su un social network. Il suo autore è Stefano Jacoviello, docente […]