Asylum

L’Italia, dimentica del suo passato migratorio, è un paese che fatica ad accettare di essere lo spazio d’arrivo e di passaggio di popoli in transito per il mondo. Nella traversata che questi popoli in viaggio per approdare sulle coste di un mondo che si presume sia altro o migliore, si ritrovano storie di vite violate, stravolte, interrotte, che restano il più delle volte depositate sul fondo del mare, aggrappate a una chiglia spezzata, impigliate al ramo di un albero dei mari, di deserti, le foreste che ne hanno disegnato lo spazio della fuga. Questo spazio di approfondimento nasce con lo scopo di restituire volti, storie, anfratti, soggettività alle vite di queste persone in fuga e al contempo strumenti e conoscenze necessarie ad uno sguardo più consapevole sul mondo in cui viviamo.



Terzo settore in fondo
Asylum / Piccola biblioteca delle scienze umane

Terzo settore in fondo

Una lettura di “Cronistoria semiseria di un operatore sociale precario” (Edizioni Spartaco, 2014) di Marco Ehlardo, con una testimonianza di Tamara Ferrari. Introduzione di Carlo Ciavoni, 

Rifugiati a Buchenwald?
Asylum

Rifugiati a Buchenwald?

Leggiamo la notizia sabato sera su alcuni siti israeliani. La condividiamo in privato via mail. Cercando di leggere le immagini dell’attualità in quanto accostamenti e innesti di tempi ed esperienze storiche tanto diverse quanto inseparabili e interconnesse, ci chiediamo se siamo di fronte a una montatura o a un montaggio.

Nient’altro che scattare foto: Fotografia e violenza dei confini
Asylum / Le immagini in questione

Nient’altro che scattare foto: Fotografia e violenza dei confini

Un nuovo contributo di Charles Heller e Lorenzo Pezzani, Ricercatori Associati del Progetto (Centre for Research Architecture, Goldsmiths University, Londra), tra coloro che hanno contribuito a fondare la piattaforma Watch The Med. 

Il potere d’asilo
Asylum

Il potere d’asilo

Per una storia europea del potere d’asilo.

Soggetti in marcia. Alcune riflessioni sull’attraversamento di confini
Asylum / Le immagini in questione

Soggetti in marcia. Alcune riflessioni sull’attraversamento di confini

C’è una moltitudine che cammina lungo un’autostrada. In marcia verso una meta provvisoria, ma pur sempre ultimo tratto di un lungo viaggio affrontato in condizioni ostili e con i mezzi più disparati. 

Dialoghi sul confine – Ventimiglia e i cancelli d’Europa
Asylum / Interviste

Dialoghi sul confine – Ventimiglia e i cancelli d’Europa

A partire dai fatti di Ventimiglia del giugno scorso, proponiamo un colloquio con Fulvio Vassallo Paleologo che inaugura una piccola indagine sui dispositivi di accoglienza e respingimento dei migranti, in relazione alla configurazione delle frontiere europee.

Barthélémy Toguo, Road for Exil, 2008. Courtesy of the artist, Galerie Lelong & Bandjoun Station, photo Barthélémy Toguo.
Asylum

Contro il naufragio del cosmopolitismo: etica e politica delle forme di vita

Quando parliamo di soccorrere i migranti nel Canale di Sicilia, il nostro discorso oscilla tra etica e politica, rimandando a una questione antropologica fondamentale: chi siamo quando ci diciamo umani?

La pietà è già finita
Asylum

La pietà è già finita

La vicenda dell’ultimo naufragio nel Mediterraneo ha già esaurito il suo potenziale di pietà. Alcuni accorgimenti propagandistici messi in atto dal governo italiano hanno prodotto una sorta di slittamento dall’orrore alla pietà e da questa all’identificazione di un nemico necessario contro cui combattere.